C’è un vulcano attivo sotto i ghiacci dell’Antartide. Si trova nella zona occidentale del continente e ha un’estensione confrontabile a quella dell’Emilia Romagna. La sua ultima eruzione risale a poco piu’ di 2.000 anni fa (al 325 avanti Cristo) ed e’ stata la piu’ violenta avvenuta nel continente bianco negli ultimi 10.000 anni. La scoperta, pubblicata on line sulla rivista Nature Geosciences, e’ dei ricercatori dell’istituto britannico per la ricerca in Antartide (British Antartic Survey, Bas). Secondo gli studiosi, che lo hanno identificato grazie al radar, il vulcano sta provocando cambiamenti importanti nei ghiacci e i nuovi dati aiuteranno a costruire scenari futuri sul loro eventuale scioglimento e sulle variazioni del livello del mare. ”E’ una scoperta unica”, osserva il coordinatore della ricerca, Hugh Corr.

I dati radar hanno permesso di ricostruire la dinamica dell’eruzione, che provoco’ una nube di cenere e gas alta 12 chilometri. Ma anche di interpretare in una nuova luce alcuni eventi, come l’avanzamento di uno dei piu’ grandi ghiacciai della calotta occidentale, il Pine Island. Secondo il co-autore della ricerca, David Vaughan, ”l’avanzamento di questo ghiacciaio si e’ accelerato nelle ultime decadi ed e’ possibile che questo sia dovuto al calore del vulcano.

Tuttavia – aggiunge – la presenza del vulcano non riesce a spiegare il diffuso scioglimento dei ghiacciai della calotta occidentale, responsabili dell’innalzamento del livello del mare di 0,2 millimetri l’anno”. I vulcani svolgono un ruolo importante in Antartide. Molti di essi sono ormai spenti, mentre altri sono ancora attivi, come il Monte Erebus, Deception Island e South Sandwich Islands. Le eruzioni erano molto comuni in Antartide 25 milioni di anni fa ed hanno coinciso con il periodo di grandi cambiamenti climatici che ha portato alla formazione della calotta antartica. (ANSA)

Iscriviti alla Newsletter