TempioY1Nel campo dell’Archeologia Psichica uno dei più importanti lavori del Mobius è stato l’esperimento a largo dell’isola di Santa Catalina, in questa occasione sono stati consultati cinque sensitivi, i quali hanno indicato un punto esatto su una superficie di 1500 miglia quadrate, descrivendo alcuni particolari di ciò che avrebbero trovato (una nave antica, la forma, il contenuto della stiva, come fu affondata) il tutto ad una profondità di circa 160 m. Le loro dichiarazioni sono state confermate grazie anche al notevole dispiego di mezzi di cui si sono avvalsi: hanno partecipato l’Istituto della Marina e degli Studi Costieri, il Laboratorio di Propulsione a Reazione, l’Istituto di Ricerche Stanford e l’ufficio di Land Managmant.

Umberto Di Grazia, sensitivo di fama internazionale e attento studioso dei fenomeni paranormali, oggi definiti ‘Anomalous Perturbation (AP) e Anomalous Cognition (AC)’, si dedica da oltre trent’anni a queste ricerche ed alle sue applicazioni a scopo scientifico e sociale. La sua fenomenologia di sensitivo è stata valutata e studiata da diversi
organismi scientifici, con cui ha collaborato in importanti ricerche:
dal Mobius Group al Centro George Pardes per applicazioni industriali, da studiosi di varie facoltà universitarie: da quella di Psicologia di Friburgo a diverse facoltà dell’Università La Sapienza di Roma, tra cui
il Dipartimento Ricerca di Fisica, Sociologia e Psicologia (criminologia).

Ha collaborato agli esperimenti di archeologia psichica con la struttura ‘The Future Research Group’, fondata da Brando Crespi, di cui è stato il rappresentante per l’Europa. In Italia ha organizzato vari gruppi di ricerca, da ‘Dimensione Uomo’ all’Istituto di Ricerca della Coscienza di Roma, che presiede attualmente, coadiuvato nel suo lavoro da esperti di varie discipline scientifiche e umanistiche.
Nell’archeologia psichica o intuitiva, a cui ha dedicato molto del suo tempo, Di Grazia ha fatto scoperte importanti, la cui documentazione è stata regolarmente fatta pervenire alle varie Soprinitendenze Regionali e pubblicata da quotidiani e riviste, sia in Italia che all’estero.

Iscriviti alla Newsletter