CERVELLO
Un caffè caldo e siamo tutti più buoni

YALE UNIVERSITY

chicoIl nostro giudizio sul carattere di una persona può essere influenzato da qualcosa di semplice come il calore di una bevanda nelle nostre mani.

Nel numero corrente di Science, gli psicologi della Yale University mostrano che le persone giudicano gli altri più generosi e affettuosi se hanno appena tenuto in mano una tazza di caffè caldo, e meno generose se invece il caffè è freddo. In un secondo studio, hanno mostrato che la gente è più propensa a dare qualcosa agli altri se ha appena tenuto qualcosa di caldo e più propensa a tenere qualcosa per sé se ha tenuto qualcosa di freddo.

Lo studio nasce da un lavoro precedente degli autori, che mostra come anche la distanza fisica tra individui influenzi il giudizio sociale su un’altra persona.

La ricerca indica che dire che qualcuno è caldo o che ti senti distante da un amico o da un parente sono più di una semplice metafora. Sono descrizioni letterali di emozioni come la fiducia, sperimentata per la prima volta nel corso di quel legame intimo formato tra madre e figlio durante la gravidanza e il periodo immediatamente successivo.

“Quando chiediamo se una persona è fredda o calda, sappiamo che ha comunque una temperatura di 36,6 gradi”, spiega John Bargh, professore di psicologia a Yale e coautore dell’articolo con Lawrence Williams della University of Colorado, che ha ricevuto il suo Ph.D da Yale quest’anno. “questi termini implicitamente attingono alla primitiva esperienza di cosa significhi essere caldi o freddi”.

Gli psicologi hanno sottolineato a lungo l’importanza di un caldo contatto fisico con chi si occupa di noi per sviluppare relazioni sane da adulti. Così Bargh e Williams hanno deciso di testare l’impatto del calore sulle percezioni degli adulti.

Per testare le loro ipotesi sull’importanza della temperatura, i ricercatori hanno chiesto in modo casuale ad alcuni soggetti di tenere una tazza di caffè caldo o freddo mentre scrivevano le informazioni. In seguito a questi individui veniva dato un pacchetto di informazioni su un individuo e poi veniva chiesto loro di definire i tratti della personalità di questa persona. I partecipanti consideravano questa persona significativamente “più calda” se in precedenza avevano tenuto in mano la tazza di caffè caldo, rispetto a quelli che avevano la tazza di caffè freddo. Su scale di personalità non collegate al tratto del calore i ricercatori non hanno trovato differenze nel modo in cui hanno risposto i partecipanti, sia che tenessero il caffè caldo che quello freddo.

Nel secondo studio i partecipanti hanno tenuto pacchi terapeutici caldi o freddi come parte di uno studio di valutazione di un prodotto, e poi veniva detto loro che potevano ricevere un buono per un dono per un amico o un regalo per sé. Quelli che avevano tenuto il pacco caldo erano più propensi a chiedere il buono, mentre quelli che avevano tenuto il pacco freddo tendevano a prendersi il regalo.
“Sembra che l’effetto della temperatura fisica non stia solo nel come vediamo gli altri, ma influenza anche il nostro comportamento”, spiega Bargh. “il calore fisico può farci vedere gli altri come persone più calde, ma ci fa anche comportare in modo più caloroso – più generoso e fiducioso”.

La dimostrazione del potere della temperatura sulla percezione di un carattere è stata sostenuta da recenti studi di risonanza sul cervello, sottolinea Bargh. Per esempio, è stato dimostrato che l’esperienza di uno stimolo caldo o freddo promuove una forte attività nella corteccia insulare. I ricercatori hanno anche collegato la stessa area del cervello alle personalità borderline, una malattia debilitante caratterizzata dall’incapacità di cooperare e da una quasi totale incapacità di determinare a chi dare fiducia.

© 2008 by AAAS, the science society

Iscriviti alla Newsletter

Prossimi eventi

  1. L’Eclisse della Ragione: La Caccia alle “Streghe”

    settembre 30 @ 9:00 - ottobre 1 @ 18:00
  2. Rave Meditation

    novembre 5