La American Association for the Advancement of Science ha organizzato e sponsorizzato la conferenza Cosmic Questions (Washington- Aprile 14-16/1999) per considerare e dibattere le implicazioni delle ultime scoperte astronomiche e cosmologiche. In particolare gli speakers (per lo più noti Fisici ma anche filosofi e teologi) dovevano cercare di rispondere alle seguenti tre domande cosmiche:
– L’Universo ha avuto un inizio?

– C’è un progetto sotto la realtà?

– Siamo soli (nell’Universo)?

La discussione si è ‘drammaticamente’ accesa nello scontro tra il sacerdote anglicano John Polkinghorne e il premio Nobel per la Fisica Steven Weinberg. Il loro ‘duello’ ha in effetti ricordato quello storico a Oxford (1860! convegno sponsorizzato dalla British Association for the Advancement of Science…) tra il biologo Thomas Huxley, battagliero sostenitore della neo-nata Teoria dell’Evoluzione, e il vescovo anglicano Samuel Wilberforce, che sosteneva la assurdità di una discendenza dell’Uomo dalle scimmie. Tuttavia qualcosa è cambiato negli ultimi 140 anni: molti teologi e religiosi hanno maggiore padronanza almeno della terminologia e della problematica ‘scientifica’, così come molti scienziati hanno maggiore conoscenza delle implicazioni ‘metafisiche’ delle loro teorie. Nondimeno, questa compatibilità formale non può nascondere l’essenza della dicotomia ateismo/teismo che ancora è evidente nel dibattito Weinberg- Polkinghorne. A proposito di un eventuale ‘architetto’ della realtà, Weinberg (si) chiede: Chi è? Quale è la sua natura? Perché non avvengono più i miracoli? “Le prove sperimentali per i presunti miracoli sono ancor meno stringenti di quelle a sostegno della fusione fredda” …

Polkinghorne risponde che l’idea di un “architetto, creatore, progettista cosmico” è una questione ‘metafisica’ e la ‘metafisica’ può essere limitata ma non determinata dalla scienza.

Weinberg, di rimando, sottolinea come i recenti modelli cosmologici (ad esempio ‘l’inflazione senza fine’) e alcune interpretazioni della Meccanica Quantistica (per esempio l’ipotesi dei ‘molti Universi’ di Everett-De Witt) hanno dimostrato come probabilmente sarà la Fisica, e non la metafisica, a dare risposta alle domande cosmiche.

Polkinghorne ha controbattuto elencando le cose di cui la scienza riduzionista, per sua natura, non può, a rigore, neanche parlare (nè tantomeno spiegare): bellezza, arte, etica…”La coscienza è la vera firma del creatore” ha detto.

Weinberg ha posto l’accento su una possibile connessione tra il senso umano di ‘bellezza’ e le simmetrie scoperte dai Fisici nelle leggi fondamentali della Natura.

NdC: Ovviamente il dibattito continua: il prossimo scontro tra 140 anni…Vale comunque la pena di notare che se è vero, come afferma Polkinghorne, che …”La coscienza è la vera firma del creatore”, è anche vero che recentemente la scienza ha iniziato a porre la coscienza stessa sotto la sua indagine (vedi ad esempio: “Sta nascendo una scienza della coscienza?”

Sta nascendo una Scienza della Coscienza?

Fonte:

PHYSICS NEWS UPDATE
The American Institute of Physics Bulletin of Physics News
Number 424 April 20, 1999 by Phillip F. Schewe and Ben Stein

Iscriviti alla Newsletter

Prossimi eventi

  1. Rave Meditation

    novembre 5