Articolo prelevato dagli SCHWARTZREPORT e tradotto dal Prof M.Bruschi

L’apparato rivelerà i muoni prodotti dall’atmosfera terrestre sotto il bombardamento dei raggi cosmici.
Il Dr. Arturo Menchaca e i suoi colleghi dell’Università Nazionale Autonoma del Messico sperano mediante l’intercettamento dei muoni che passano attraverso la piramide si possano rivelare eventuali cavità presenti nella piramide stessa.

Questo potrebbe far scoprire eventuali luoghi di sepoltura all’interno della piramide dei re dell’antico popolo che costruì la l’insediamento di Teotihuacan.
“Scendiamo… e attenti alla testa” dice il dr. Menchaca, mentre si aggiusta il suo caschetto giallo e comincia a scendere lungo i gradini di ferro arrugginito in un tunnel scuro vecchio di millenni sotto la Piramide del Sole.

Dopo un cammino di 100 metri nello stretto tunnel si arriva al nuovo laboratorio, un capannone di plastica all’interno di una caverna nelle viscere della piramide.
“La cosa eccitante è che stiamo usando polvere cosmica per tentare di chiarire un antico mistero Messicano”

Al di sopra… la silenziosa pressione di tonnellate di roccia e terra.
L’esperimento costerà un milione di dollari. Al momento, si vede solo un larga e piatta piastra di metallo connessa attraverso una scatola di fili a un monitor che mostra una linea gialla oscillante.

Questa è la macchina che rivela le tracce dei muoni, particelle sub-atomiche formate negli urti dei raggi cosmici con le molecole dell’atmosfera terrestre.
I muoni viaggiano ad una velocità prossima a quella della luce e riescono ad attraversare oggetti solidi, lasciando eventualmente sottili tracce nei rivelatori. Quando un muone è intercettato, la linea gialla sul monitor oscilla su e giù in un tracciato pieno di picchi.
“L’idea è di tentare di scoprire variazioni di densità nella piramide” ha detto il dr. Menchaca a BBC News Online.

“per riuscirci o uno fa buchi nella piramide… oppure deve trovare qualcosa che sia in grado di attraversare la piramide stessa…”

“la radiazione cosmica è molto penetrante: una parte attraversa la piramide, una parte viene assorbita”

“l’ammontare della parte che viene assorbita dipende dal materiale che sta attraversando. Se sotto una certa zona della piramide troveremo meno muoni di quanti teoricamente ci si aspetterebbe, allora sarebbe chiaro indizio che sopra c’è meno materia di quella prevista…”

“Meno materia: cioè possibilmente una cavità, possibilmente una camera sepolcrale”.
L’esperimento che è in atto sotto la Piramide del Sole, sta già attirando l’attenzione della nazione.

Iscriviti alla Newsletter