di Andy Coghlan New Scientist

Una piccola compagnia londinese sostiene di aver sviluppato una tecnica che capovolge un dogma scientifico e potrebbe rivoluzionare la medicina. Dicono che possono trasformare il sangue in cellule in grado di rigenerare i tessuti danneggiati o malati. Questo potrebbe trasformare le cure di tutte le malattie, da quelle di cuore fino al Parkinson.

Se l’azienda, TriStem, può realizzare veramente questo, non ci sarà più la necessità di occuparsi della ricerca sulle cellule staminali. Ma queste affermazioni sbalorditive sono state accolte con incredulità dalla maggior parte dei ricercatori tradizionali. TriStem sta sostenendo da anni che può prendere mezzo litro di sangue di qualsiasi persona, estrarne i globuli bianchi e trasformarli in cellule simil-staminali nell’arco di alcune ore. Queste cellule possono essere trasformate in quelle cardiache da usare per la “riparazione” del cuore, o in quelle nervose per ripristinare i cervelli e così via. L’azienda ha finalmente fornito le prove che almeno alcuni dei risultati potrebbero essere veri.

Collaborando con ricercatori americani indipendenti, l’azienda ha usato la sua tecnica per trasformare i globuli bianchi in cellule emopoietiche che normalmente si trovano nel midollo osseo.

L’equipe pubblicherà nel edizione di gennaio del “Current Medical Research and Opinion” (volume 20, p 87) il seguente risultato: una volta iniettate nei topi, queste cellule sono migrate verso il midollo osseo ed hanno generato quasi tutti i diversi tipi di cellule ematiche umane. “Ero estremamente scettico,” dice Tim McCaffrey, un ricercatore cardiovascolare dell’università George Washington di Washington DC,al quale è stato chiesto di valutare le tesi della TriStem.

“Lo hanno fatto davanti i miei occhi con il mio propria sangue” afferma. “E’ strabiliante” Anche se il metodo della TriStem riuscisse solo a sostituire il midollo osseo, sarebbe comunque un risultato significativo. Decine di migliaia di persone hanno bisogno ogni anno di trapianti di midollo osseo. In alcuni casi, i medici già usano le cellule staminali estratte dal sangue al posto del trapianto di midollo osseo.

Ad un donatore vengono somministrate sostanze a base di fattori crescita che aiutono le cellule del midollo osseo a riprodursi e a riversarsi nel circolo sanguigno, ma la procedura richiede parecchi giorni. Il metodo del TriStem potrebbe dare la possibilità di ottenere un gran numero di cellule staminali sanguigne in un lasso di tempo molto inferiore. “La velocità e la facilità con cui funziona il procedimento sono davvero rilevanti” dice McCaffrey.

Ma l’azienda sostiene di poter fare molto, molto di più. Ilham Abuljadayel, il fondatore di TriStem, dice che adattando i metodi di coltura standard è riuscita a trasformare i globuli bianchi in cellule dei tessuti cardiaco, nervoso, osseo, cartilagineo, muscolare liscio, epatico e pancreatico. L’azienda non ha ancora pubblicato i risultati che dimostrano tutte queste affermazioni. Poiché l’azienda ha lavorato soltanto con le cellule umane, non può effettuare il cosiddetto test “gold standard” di versatilità delle cellule staminali, cioè inserirle in un embrione per dimostrare che possono formare tutti i vari tessuti.

Se il metodo di TriStem può realmente produrre una vasta gamma di cellule, il suo potenziale è enorme.