a cura di Mario Bruschi, Dipartimento di Fisica Università “La Sapienza”

fissione_uranio2

La fissione nucleare (f.n.) può avvenire con nuclei con numero di massa superiore a 100 ma è molto più probabile in nuclei con numero di massa pari a ca 230: nelle centrali (reattori) nucleari si utilizzano due isotopi diversi dell’uranio, uno con numero di massa pari a 238 e l’altro a 235 ( è questo il nucleo che più facilmente subisce il processo di fissione).

Nella f.n. indotta, il neutrone che incide nel nucleo e ne viene assorbito cede la propria energia al nucleo stesso il quale acquista una anomala forma allungata. Questa è una situazione instabile e nel giro di una frazione di secondo (in realtà meno di un milionesimo di un milionesimo di secondo!) il nucleo si divide in due emettendo 2 o 3 neutroni (fissione). La massa totale dei due nuclei prodotti è inferiore a quella del nucleo di partenza: la massa persa si trasforma in energia secondo la famosa formula di Einstein (E = m c2 ). Per iniziare la reazione di f.n. dell’uranio, il neutrone incidente deve essere ‘lento’: per questo si usano particolari sostanze dette moderatori che rallentano i neutroni più veloci.

fissione_uranio


Numero di massa = numero totale di neutroni e protoni contenuti nel nucleo.

Moderatori: in genere si usano come moderatori acqua, grafite, acqua pesante (acqua con Deuterio al posto dell’idrogeno).

Ricerca Avanzata con il motore di ricerca Google

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter!
Inserendo la tua mail acconsenti a ricevere il materiale informativo in accordo con la nostra Privacy Policy. In qualsiasi momento puoi disiscriverti.