a cura di Mario Bruschi, Dipartimento di Fisica Università “La Sapienza”

Come è noto, la velocità della luce (che è pari a circa 300.000 Km al secondo nel vuoto) può decrescere anche in modo significativo in vari materiali, in accordo al loro indice di rifrazione.

Comunque, se l’indice di rifrazione è molto alto , alto diviene anche l’assorbimento (un raggio di luce in tali materiali è più ‘lento’ ma anche molto più fioco).

In un recente esperimento a Harvard (Lene Vestergaard Hau, [email protected]), dei fisici sono riusciti ad ottenere un enorme rallentamento della luce (velocità pari a 17 metri al secondo, circa un ventimilionesimo della velocità nel vuoto!) senza pagare il prezzo di un eccessivo assorbimento. È stato usato in un BEC (Condensato di Bose-Einstein) che presenta un enorme indice di rifrazione e un sistema di raggi Laser per creare un effetto di “trasparenza indotta”: ci si aspetta che velocità ancora più basse possano presto essere raggiunte mantenendo un basso tasso di assorbimento.

Tali effetti altamente non-lineari potrebbero trovare applicazione nella componentistica ottico-elettronica (interruttori, memorie, linee di ritardo) e anche in convertitori di frequenza per le onde elettromagnetiche.

Fonti:
PHYSICS NEWS UPDATE ,
The American Institute of Physics Bulletin of Physics

News, Number 415 February 18
Hau et al., Nature, 18 February 1999

Ricerca Avanzata con il motore di ricerca Google

Iscriviti alla nostra Newsletter