GABRIELE BECCARIA

fesSe lo saranno detto con le sequenze di simboli nascosti nelle danze a mezz’aria? Oppure con le emanazioni dei recettori odorosi, che – rivelano studiosi americani come James Nieh – sono state elaborate con milioni di anni di sforzi e oggi ricordano in tutto e per tutto i codici cifrati degli agenti segreti?

Di certo l’evoluzione non le aveva preparate all’imprevisto fabbricato dai loro partner da almeno 8 mila anni, gli esseri umani: le api si stanno scambiando informazioni via via più preoccupate e da un po’ di tempo si consigliano reciprocamente di stare alla larga dai campi geneticamente modificati che ricoprono superfici in rapida espansione, dalle praterie della «corn belt» statunitense alle pampas argentine, fino alle pianure infinite di India, Cina e Australia. Gli studiosi se ne sono accorti quando hanno deciso di osservare che cosa succede attorno a una pianta che non esiste in natura, ma è una fortunata manipolazione che genera fiumi di dollari.

Si chiama canola (acronimo che sta per «Canada» e «olio»), deriva dalla rapa e produce un olio per innumerevoli usi, anche alimentari, dato che è considerato povero di grassi cattivi. E’ proprio nelle zone dove cresce con impeccabile logica industriale – denuncia una ricerca della Simon Fraser University nel British Columbia del Canada – che si sta registrando un crollo dell’impollinazione. Secondo le analisi, appena rese note dall’Ecological Society of America, la densità delle api diminuisce progressivamente a seconda che il campo che sorvolano sia, nell’ordine, organico, trattato pesantemente con erbicidi e Ogm.

Il fenomeno può essere interpretato come una fuga o una difesa. O come una forma strisciante di sterminio. E’ infatti una nuova prova che si aggiunge agli studi con cui si accusano le piante «trans» di minacciare le api e spingerle all’estinzione dal pianeta che le ospita da 300 milioni di anni, quando si separarono dalle zanzare e dal moscerino della frutta. Proprio in Nord America – e soprattutto negli Usa – questi insetti-chiave per la riproduzione della maggior parte della flora terrestre stanno scomparendo a tassi abnormi. La colpa – confermano le analisi dell’Università di Jena in Germania – è (anche) della canola e di alcuni ceppi di batteri resistenti agli antibiotici.

Tutto nasce da un gene «marcatore» utilizzato nella controversa pianta canadese: questo riesce a trasferirsi nei batteri, che da tempo immemorabile colonizzano il sistema digerente delle api, e i microrganismi si alterano. Da ospiti si trasformano in killer, facendo strage dell’insetto più affascinante e oggi più studiato (da poche settimane, infatti, il consorzio internazionale «Honeybee Genome Sequence Consortium» ha sequenziato il suo genoma).

Le povere api muoiono perché si ammalano e anche il miele risulta contaminato. Ha tracce Ogm e – denunciano l’associazione britannica «Bee Farmers Association» e «Friends of Earth» – c’è il rischio che i «resti» arrivino fino agli animali e naturalmente all’uomo. Se l’uomo massacra le api, questa potrebbe essere la subdola vendetta di creature che con noi hanno almeno due straordinarie forme di parentela: la stessa origine africana e un orologio biologico quasi uguale al nostro.

IL DNA

Sequenziati diecimila geni
Esistono quattro specie di api: l’Apis Cerana, l’Apis Florea, l’Apis dorsata e l’Apis Mellifera. Quest’ultima, la più comune, proviene dall’Asia (mentre la sua antenata è africana) ed è stata introdotta in America da inglesi e spagnoli. Dopo anni di tentativi è stato finalmente sequenziato il genoma di questo straordinario insetto: grazie al lavoro di 170 laboratori in tutto il mondo sono stati indentificati 10.157 geni e grazie a questa gigantesca impresa si spera di trovare nuove strategie per salvare l’ape dal rischio dell’estinzione.

Tratto da: La stampa.it

Iscriviti alla Newsletter

I 30 Articoli più letti nel sito

  1. Tutto ciò che ci è stato insegnato sulle nostre origini è una bugia - 64.311 views
  2. L’uso di sensitivi al Pentagono - 56.048 views
  3. Nuovi studi confermano ancora una volta la telepatia - 54.869 views
  4. Dichiarazione di Willis W. Harman – Direttore Centro Studi Politica Sociale Istituto Stanford - 50.192 views
  5. Il Pantheon, lo Stargate ignorato - 39.993 views
  6. Si può prevedere il futuro attraverso l’intuito? - 38.193 views
  7. Aloe pianta della salute - 34.594 views
  8. Fenomeni di Levitazione entrano nella vita di tutti i giorni - 34.034 views
  9. L’ormone che aiuta a leggere nel pensiero - 33.204 views
  10. Scopriamo i misteri del Vaticano - 26.157 views
  11. Un Alieno su Marte? - 23.633 views
  12. La vostra mente sa molto più di quanto crediate - 21.762 views
  13. Alla scoperta del diavolo - 19.695 views
  14. In piena Roma c’è una Porta Magica - 18.493 views
  15. Un esperimento di Archelogia Psichica Subacquea con Umberto di Grazia - 18.489 views
  16. Fraintendere la mente - 18.102 views
  17. Fenomeni Psichici: quale futuro per chi cerca di capire - 17.601 views
  18. Poltergeist. Di cosa si tratta - 17.470 views
  19. “Near death”, esperienze di pre-morte, ecco la spiegazione - 16.222 views
  20. Studio della fisica del teletrasporto. Lo studio commissionato dall’Air Force - 15.550 views
  21. La Nascita del Fondamentalismo, tratto da ‘Parapsicologia. La scienza contestata’ - 15.309 views
  22. Collegamento tra virus dello stomaco e la Sindrome da stanchezza cronica - 15.271 views
  23. Il fantasma del castello - 15.244 views
  24. L’amore vince sul dolore, dimostra uno studio sul cervello - 14.965 views
  25. Una nuova ricerca fa luce sulla mente delle piante - 14.718 views
  26. E se il Cervello fosse… un Optional? - 14.651 views
  27. Il Cuore umano (ed animale) genera il più ampio Campo ElettroMagnetico del corpo che fa parte dell’AuRa - 14.547 views
  28. Le meravigliose proprietà del limone - 14.516 views
  29. Ricerca Biometrica e foto anomale - 14.080 views
  30. “L’Universo è un’illusione?” - 13.784 views
<<< Classifica Completa >>>