Prima di iniziare il Test,  alle ore 10,00 del 10/06/2015 è stato decongelato il campione di DNA equino ed omogeneizzato e versato in due cuvette trasparenti alla luce UV siglate rispettivamente con la lettera B (bianco) e con la lettera T (trattato). Il campione B (bianco) per tutto l’esperimento è stato mantenuto nelle medesime condizioni del campione T (trattato) al fine di poter azzerare eventuali effetti sui valori di assorbanza, dovuti allo scongelamento e alle temperature a cui sono state effettuate le misure.

Queste ultime sono state effettuate nella  sezione di Biologia Molecolare del Laboratorio Alimentazione Ambiente srl di Roma.
Alle 11,15 su entrambi i campioni, sono state effettuate le prime misure dell’assorbanza all’UV, eseguite in triplo; nella tabella n°1  si riporta l’assorbimento medio di entrambi i campioni a 260mµ: il campione T da trattare evidenzia un valore medio dell’assorbanza lievemente più elevato rispetto al campione B (+0,47%), poco significativo considerando il valore del t-test(0,25).

Tab.1:

tab1

Dopo aver effettuato le misure, le cuvette vengono riposte nella cella frigorifera a 4°C.

Alle ore 12:15, mediante lancio di una moneta  (testa/croce) è stato deciso che il gruppo a distanza, i cui componenti dovevavo interagire separatamente in diverse regioni (Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Campania, Puglia e Sicilia), sul  DNA contenuto in una cuvetta indicata con la lettera T.

Alle 12:30, su entrambi i campioni, sono state effettuate le prime misure dell’assorbanza all’UV, eseguite in triplo; nella Tab.2 si riportano gli assorbimenti in triplo  di entrambi i campioni: il campione T da trattare evidenzia un valore medio dell’assorbanza lievemente più elevato rispetto al campione B (+0,48%), poco significativo considerando il valore del t-test=0,25.

Tab.2:

tab2

Alle ore 12,32 ho comunicato a Umberto mediante sms il tipo di azione a distanza (srotolamento) sul DNA da effettuare sul campione identificato con la lettera T (dalle17,00 alle 17:30).

Alle 16:50 dieci minuti prima dell’inizio dell’esperimento, su entrambi i campioni, sono state effettuate le misure eseguite sempre in triplo; nella tab.n°3  si riportano le assorbanze medie  di entrambi i campioni; la tabella mostra sul campione T un effetto di srotolamento evidenziato da un aumento dell’assorbanza a 260 µm con un incremento % rispetto al bianco (+1,34), lievemente significativo in base al valore del t-test=0,06.

Tab. n°3

tab3

Alle ore 17:34 al termine dell’azione (intenzione) prodotta dal gruppo a distanza, sono state effettuate le misure in triplo e calcolato il valore medio delle assorbanze di entrambi i campioni in triplo  riportati nella tab. n°4:

Tab. n°4

tab4

la tabella mostra sul campione T un effetto di srotolamento evidenziato da un aumento dell’assorbanza a 260 µm con un incremento % rispetto al bianco (+0,83), poco significativo in base al valore del t-test=0,13

Alle ore 18:00 sono state effettuate le ultime misure in triplo, riportate nella tab. n°5.

Tab.n°5

tab5

L’esame statistico con il t-test, confrontando le assorbanze medie ottenute intorno alle 18,00 del campione di DNA Trattato rispetto al Bianco, dà un valore del t-test< 0,0001 (altamente significativo) con un aumento % medio dell’assorbanza del 6,07% rispetto al bianco; le due cuvette (T e B) sono state poste in cella frigorifera a 4°C fino al giorno dopo. Graf. N°1 graf1

Il Graf. N°1 mette in evidenza i valori delle assorbanze del bianco e del DNA trattato dalle ore  11.16 alle 18,03; si nota come il valore del trattato risulta sempre più elevato, fino ad assumere il suo valore massimo alle ore 18,03, dove risulta più alta la differenza fra le assorbanze.

Alle ore 11:49 del giorno 11.06.2015  sono state effettuate le misure in triplo dei campioni di DNA  e sono riportate nella tab. n°6.

Tab. n°6

tab6

la tabella mostra sul campione T un effetto di srotolamento evidenziato da un aumento dell’assorbanza a 260 µm con un incremento % rispetto al bianco (+6,47), altamente significativo in base al valore del t-test<1x10-58.

Si sono ripetute le ultime misure a quasi 24 ore dall’effetto di srotolamento, come evidenziato nella tab. n°7.

Tab. n°7

tab7

la tabella mostra sul campione T un effetto di srotolamento evidenziato da un aumento dell’assorbanza a 260 µm con un incremento % rispetto al bianco (+6,23), altamente significativo in base al valore del t-test<1x10-4.

Graf. N°2

graf2

Il grafico n°2 conferma la differenza in assorbanza del DNA trattato rispetto al bianco del giorno 11.6 fino a 24 ore dall’inizio del test.

Si può quindi affermare che lo srotolamento altamente significativo (t-test<0,0001) permane per oltre 24 ore, con valori % di srotolamento che vanno oltre il 6%. Si possono fare le seguenti considerazioni:

  • Il gruppo di circa 150 persone i cui componenti separatamente (Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Campania, Puglia e Sicilia) completamente rilassati, in piena sintonia cuore cervello, attraverso tecniche di focalizzazione e/o meditazione, hanno interagito positivamente con la struttura del DNA (con l’intenzione di srotolarlo) determinando sostanziali modifiche (oltre il 6% di aumento di assorbanza a 260 µm) altamente significative dal punto di vista statistico.
  • Siamo in presenza di effetti non locali, cioè non dovuto a forze o leggi fisiche normalmente conosciute; il gruppo non era riunito in un singolo luogo, ma dislocato in diverse regioni dell’Italia:
  1. Effetto biologico da remoto sulla soluzione di DNA equino altamente significativo dal punto di vista statistico (t-test<0,0001)
  2. Effetto biologico sulla soluzione di DNA equino prima del lancio della moneta non significativo dal punto di vista statistico.
  3. Effetto biologico prima dell’inizio del test sulla soluzione di DNA equino significativo dal punto di vista statistico (t-test <0,1)
  • L’effetto di denaturazione del DNA (srotolamento) è stato rilevato già alle 16:50 dieci minuti prima dell’inizio dell’esperimento (differenza fra le assorbanze medie di +0,003, con t-test =0,06 lievemente significativo) avvenuto alle ore 17:00.
  • L’effetto di denaturazione del DNA (srotolamento) è stato rilevato in maniera altamente significativa alle ore 18,00, cioè 30 minuti dopo la fine del test, in base alla differenza delle assorbanze del DNA trattato rispetto al bianco (+0,0130) e al t-test (<0,0001).

 

  • L’effetto denaturante sul DNA trattato risulta stabile per almeno 24 ore in base alle misure di assorbanza ripetute sul campione di DNA trattato rispetto al bianco in base all’incremento di assorbanza >6% e t-test <0,0001.

 

  • I risultati sono paragonabili a quelli ottenuti in data 4.12.2014 con un gruppo di 50 persone che agivano separatamente a distanza ottenendo un aumento dell’assorbanza >7% del trattato rispetto al bianco e un t-test <0,001; questo dimostra che la tecnica da remoto con effetti non locali risulta non solo ripetibile ma con effetti abbastanza simili sul DNA.

Roma 23.06.2015                                                                                     dr.Prof. Ezio Gagliardi

Scarica la relazione in formato PDF   ==>     pdf

Iscriviti alla Newsletter

I 30 Articoli più letti nel sito

  1. Tutto ciò che ci è stato insegnato sulle nostre origini è una bugia - 64.131 views
  2. L’uso di sensitivi al Pentagono - 56.019 views
  3. Nuovi studi confermano ancora una volta la telepatia - 53.847 views
  4. Dichiarazione di Willis W. Harman – Direttore Centro Studi Politica Sociale Istituto Stanford - 50.150 views
  5. Il Pantheon, lo Stargate ignorato - 39.907 views
  6. Si può prevedere il futuro attraverso l’intuito? - 37.760 views
  7. Aloe pianta della salute - 34.527 views
  8. Fenomeni di Levitazione entrano nella vita di tutti i giorni - 33.959 views
  9. L’ormone che aiuta a leggere nel pensiero - 32.906 views
  10. Scopriamo i misteri del Vaticano - 25.938 views
  11. Un Alieno su Marte? - 23.602 views
  12. La vostra mente sa molto più di quanto crediate - 21.701 views
  13. Alla scoperta del diavolo - 19.432 views
  14. Un esperimento di Archelogia Psichica Subacquea con Umberto di Grazia - 18.456 views
  15. In piena Roma c’è una Porta Magica - 18.450 views
  16. Fraintendere la mente - 18.076 views
  17. Fenomeni Psichici: quale futuro per chi cerca di capire - 17.518 views
  18. Poltergeist. Di cosa si tratta - 17.374 views
  19. “Near death”, esperienze di pre-morte, ecco la spiegazione - 15.874 views
  20. Studio della fisica del teletrasporto. Lo studio commissionato dall’Air Force - 15.437 views
  21. La Nascita del Fondamentalismo, tratto da ‘Parapsicologia. La scienza contestata’ - 15.279 views
  22. Collegamento tra virus dello stomaco e la Sindrome da stanchezza cronica - 15.232 views
  23. Il fantasma del castello - 15.218 views
  24. L’amore vince sul dolore, dimostra uno studio sul cervello - 14.935 views
  25. Una nuova ricerca fa luce sulla mente delle piante - 14.686 views
  26. E se il Cervello fosse… un Optional? - 14.607 views
  27. Il Cuore umano (ed animale) genera il più ampio Campo ElettroMagnetico del corpo che fa parte dell’AuRa - 14.494 views
  28. Le meravigliose proprietà del limone - 14.057 views
  29. Ricerca Biometrica e foto anomale - 14.027 views
  30. Cosa ne sappiamo dei Templari? - 13.605 views
<<< Classifica Completa >>>