di Joshua Massarenti (j.massarenti@vita.it)

21/12/2004

Le autorità sanitarie statunitensi lanciano un nuovo allarme sugli analsegici di Big Pharma. Questa volta colpisce la Bayer e la Roche

Nuovo allarme delle autorita’ sanitarie statunitensi sui rischi cardiaci connessi all’uso di un farmaco: nel mirino anche stavolta un antidolorifico, venduto senza ricette nelle farmacie del Paese.
I consumatori che prendono il naproxen, commercializzato come Aleve (della Bayer) o Naprosyn (Roche), non devono eccedere nelle dosi raccomandate e devono sospenderlo dopo dieci giorni di uso continuativo, a meno che il medico non dica il contrario. L’allarme arriva dopo che, a settembre, e’ stato ritirato dal mercato il Viox, un farmaco per l’artrite; e la scorsa settimana la Pfizer ha ammesso che un altro analgesico, il Celebrex, puo’ dare problemi cardiaci, e ha sospeso la pubblicita’ dell’antidolorifico (anche se non lo ha ritirato dal mercato).
Naproxen e Celebrex sono farmaci non steroidei e antinfiammatori contro i dolori, come l’aspirina o l’ibuprofen. Ricerche hanno stabilito che l’aspirina, per le sue caratteristiche anti-coagulanti, puo’ aiutare nella prevenzione dei problemi cardiovascolari; ma il suo consumo eccessivo puo’ provocare emorragie e ulcere gastrointestinali.

Fonte: Vita.it

Iscriviti alla Newsletter

Prossimi eventi

  1. L’Eclisse della Ragione: La Caccia alle “Streghe”

    settembre 30 @ 9:00 - ottobre 1 @ 18:00