di DAVID USBORNE

The New Zealand Herald (New Zealand)

Normalmente gli attori sono costretti per le loro parti a guadagnare o perdere peso. Non i registi, tranne in questo caso in cui il regista Morgan Spurlock che per la realizzazione del suo documentario sull’assuefazione degli americani ai cibi dei fast food si è offerto da cavia.
Spurlock un alto trenatreenne Newiorkese dalla salute di ferro, ha mangiato per un mese tre pasti al giorno al McDonald’s, seguito dalla telecamera.
Ne’ lui ne’ l’equipe medica che lo seguiva potevano aspettarsi l’enorme calo di salute verificatosi. Dopo pochi giorni rimetteva i pasti e combatteva contro mal di testa e depressione. Ogni stimolo sessuale era scomparso.
Alla fine del periodo i test sul suo fegato erano molto molto alterati.
Spurlock si ingrassò di circa 12 kg. ed il suo colesterolo salì da 165 a 230. Era malato, il suo viso macchiato ed aveva lo stomaco dilatato.

Iscriviti alla Newsletter

Prossimi eventi

  1. L’Eclisse della Ragione: La Caccia alle “Streghe”

    settembre 30 @ 9:00 - ottobre 1 @ 18:00