dallo SchwartzReport del 10 ottobre 2012

Traduzione a cura della redazione di coscienza.org – Marisa Menna

Se soffrite di ipertensione o malattie cardiache, parlatene con il vostro medico.
Stephan A. Schwartz

Fonte: The Raw Story / Agence France-Presse (Francia)
pomodoriFornendo ulteriore supporto alle diete ricche di frutta e verdura, un recente studio ha confermato che mangiare pomodori può ridurre drasticamente il rischio di avere un ictus.

Secondo lo studio finlandese pubblicato sulla rivista Neurology, il fattore chiave sembra essere il licopene, un potente antiossidante.

La ricerca – basata su dati provenienti da più di 1.000 uomini di mezza età, seguiti per una media di 12 anni – indica che le persone con i più alti livelli di licopene nel sangue hanno una probabilità del 55 per cento inferiore di subire un ictus.
“Questo studio si aggiunge alle prove che a una dieta ricca di frutta e verdura si associa un minor rischio di ictus”, ha sottolineato l’autore dello studio Jouni Karppi, dell’Università della Finlandia orientale a Kuopio.

Tra i 258 uomini con i più bassi livelli di licopene nel sangue, quasi uno su 10 ha avuto un ictus. Ma tra i 259 con i più alti livelli di antiossidante, il numero è sceso a circa 1 su 25.

La correlazione tra i livelli di licopene e il rischio di ictus è risultata ancora più evidente quando i ricercatori hanno incluso solamente gli ictus causati da coaguli di sangue, escludendo quelli causati da emorragie.

I partecipanti con i più alti livelli di licopene avevano un rischio del 59 per cento più basso di ictus da un coagulo di sangue rispetto agli uomini con i livelli più bassi di antiossidante.

In totale, sono stati 67 gli uomini colpiti da ictus durante il corso dello studio.

I ricercatori hanno esaminato una serie di altri antiossidanti (alfa-carotene, beta-carotene, alfa-tocoferolo – una forma di vitamina E -, vitamina A, o retinolo) ma non hanno trovato alcun legame con il rischio di ictus.

Iscriviti alla Newsletter